ven 14 luglio 2017 - ore 11:28

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO – DIARIO#1



La scena si apre su uno sterminato piano orizzontale di cui non vediamo la fine. Nessun palco, ma un tappeto di terra che si infila nei sandali e si posa sui vestiti quando si alza il vento.
Non ci sono riflettori, ma una canicola meridiana che toglie il respiro. Il nostro percorso verso la performance del 29 luglio parte da qui, un uliveto in contrada La Corte, nelle campagne di Aradeo. Qualche centinaio di maestosi alberi che segnano immemori la mappa del tempo di questo angolo di Salento, sopravvissuti a tramonti e generazioni, che ci attendono immobili come statue di sale.

Eppure, addentrandosi nel campo, seguendo passo dopo passo la circonferenza delle chiome, da più di una pianta scorgiamo il dietro le quinte di un ramo secco, foglie rubate alla propria immagine di atemporalità e consegnate alla sfera dell'effimero. Gli alberi di ulivo del Salento stanno morendo.

Partiamo da qui, da un pomeriggio di sole faccia a faccia con la natura transeunte della nostra storia, per lo studio della performance collettiva che vuole essere più di una prova di teatro. “Il Santolivo”, il nome di ciò che rappresenteremo il 29 luglio nel centro di Aradeo, è il rito di un'intera comunità che celebra la propria identità maturata nel corso di centinaia d'anni accanto agli ulivi, e che oggi è chiamata a ripensarsi, nell'imminenza di un funerale che cambierà il volto del paesaggio, l'economia del territorio, la memoria collettiva del paese.
Il gruppo di oggi, coordinato dalla regista danese Anna Stigsgaard con la collaborazione delle attrici di Koreja Emanuela Pisicchio e Anna Chiara Ingrosso, è quello dei partecipanti del laboratorio “Pratica in cerca di teoria, Aradeo” diretto da Riccardo Lanzarone.
«Scegliete un albero» ci dice Anna imbracciando una piccola fisarmonica e intonando un canto. Nelle successive due ore, ci viene spiegato, dovremo dimenticare il lavoro per lo spettacolo e ritornare all'origine intima del progetto, raccoglierne il senso: ritrovare un dialogo con le piante. Non saranno ore inutili: ce ne accorgiamo quando la terra si insinua nei nostri sandali e procediamo verso gli alberi zoppicando, nel ridicolo tentativo di scansare la polvere.
Rivendichiamo la storia della campagna, eppure siamo ormai estranei alla terra. Oggi, in questo uliveto, sceglieremo un albero, lo abbracceremo, ci lasceremo abbracciare. Ne conteremo i nodi, ripercorreremo la direzione delle radici, ricorderemo le nostre vittoriose, quanto traballanti, imprese infantili orchestrate sui rami più possenti, le altalene appese, la sorpresa di quanto amara sia un'oliva raccolta da terra. Balleremo con gli alberi – un tango, una rumba, un impercettibile movimento del piede, non importa come – parleremo con gli alberi.
Li accudiremo, ci vestiremo a lutto e li piangeremo, come farebbe una vedova con il proprio vecchio marito. Penseremo gli ulivi per ciò che sono: esseri viventi. «Senza rendermene conto, ho iniziato a sorridere, come se mi trovassi difronte un amico» dice un ragazzo del gruppo. «Io ho pensato a mia madre che non c'è più» commenta un'altra. «Ho sentito la sua forma sotto le mie mani, possente. E mi sono ricordato ciò che si dice: che un ulivo sopravvive alle sue stesse ceneri». Oggi, sopravviverà a questo disseccamento che lo scava dall'interno? Si troverà un'ipotesi condivisa che dia un nome e un cognome a questa calamità?
Le nostre domande sono aliti di terra, calore umido esalato dal basso, sbuffi di scirocco che si rincorrono senza un punto d'arrivo, come un cane con la propria coda. In fondo, non siamo qui per darci risposte - queste risposte: lo aveva detto Salvatore Tramacere, il direttore del Teatro Koreja, salutando il progetto la sera prima, nelle vicine campagne di Karadrà. «L'arte deve piuttosto porre domande: il nostro compito sarà quello di interrogare il territorio, chi con gli ulivi ha vissuto, chi ne ha fatto una risorsa».

Parole che assumono un peso specifico aumentato nel luogo divenuto simbolo elettivo dell'amore per la terra - scelto non a caso per la presentazione - dove un tenace gruppo di giovani ha messo da parte lauree e viaggi per dedicarsi alla coltivazione di un'antica specie di pomodori. Quella sera ci avevano accolti ancora sporchi di terra, fatti accomodare e ritornati a ultimare il lavoro nei campi per una buona mezz'ora. E a tutti noi, convocati in quel luogo per riflettere sull'imminente morte dell'ulivo, era venuta in mente una riflessione preliminare: la legge dei campi esige devozione.

La nostra, avrà la forma di una domanda. Proprio in quella domanda, nella tensione che ci richiama ad essa, sta il senso di ciò che facciamo, come aveva suggerito, quella stessa sera, il paesologo Franco Arminio. «L'arte è chiamata a supplire le disattenzioni e le diserzioni delle agenzie che dovrebbero occuparsi per mestiere di questioni come questa. Abitare nel Salento e trascurare questa malattia è un'apocalisse: non si può essere distratti davanti al dolore. Il 29 luglio non si realizzerà un gesto produttivo, non si salverà la terra, però sarà un gesto sacro, un gesto morale. E noi abbiamo bisogno di gesti d'affezione che ci leghino ai luoghi». Partiamo da qui.



di Giorgia Salicandro - foto di Daniele Coricciati



IL SANTOLIVO in scena ad Aradeo il 29 Luglio 2017 ore 21.30 partenza da Piazza Camine


postato da Koreja il sab 25 maggio 2019 alle 09:47 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALITÀ

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

L’abito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dell’autismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ciò che è dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di un’emozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libertà ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarant’anni di civiltà

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si può morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

“VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R”: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATËR I RADËS: il viaggio disperato verso l’Altro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai più violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca l’anima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro “Entities-theater of gestures”, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO – DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA

Società Cooperativa Koreja a r.l.

Centro di Produzione Teatrale
di Sperimentazione
e di Teatro per l'Infanzia e la Gioventù

c/o Cantieri Teatrali Koreja
via Guido Dorso 70, Lecce • Italia

tel./fax: +39.0832.242000 • 244013

mail: info@teatrokoreja.it
P. I.V.A.: 01446600759


|web design & code: Big Sur