mar 01 agosto 2017 - ore 09:36

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#5 - Un paese per il Santolivo



Il richiamo viene da sterminati campi archetipi, da un tempo senza tempo in cui le radici del passato e le fronde nuove si intrecciano in innumerevoli punti di domanda. Le luci si spengono in piazza Camine, un faro illumina un balcone in alto, la tromba di Giorgio Distante chiama a raccolta la macchina dell'immaginario intonando il canto antico dei raccoglitori abruzzesi. Nebbi' a la valle nebbi' a la muntagne / ne le campagne nun ci sta niscune / addije addije amore / casch'ee se coije / la live casch'a l'albere li foije: porteremo con noi questa immagine per l'intera processione in onore del nostro Santolivo. Una suggestione di deserto e foglie caduche ci richiama alla ragione del nostro essere qui oggi, alla necessit del nostro racconto. Gli ulivi del Salento stanno morendo e noi canteremo il nostro requiem, l'omaggio necessario all'identit che abbiamo costruito per secoli, quale che sia il destino che ci attende domani. Ho cercato di coltivare una speranza, ma stamattina ho sradicato un albero grida dal balcone difronte Antonio - uno dei due volontari a cui Koreja ha affidato la missione di prelevare il nostro protagonista dalla campagna. Non abbiamo risposte n rimedi, tuttavia abbiamo la forza del nostro canto e un paese intero a condividerne il senso. Dall'alto dei balconi alla piazza gremita ci si fa eco a vicenda con i versi di Vittorio Bodini: Cade a pezzi a questora sulle terre del Sud / un tramonto da bestia macellata / Laria piena di sangue, / e gli ulivi, e le foglie del tabacco, / e ancora non saccende un lume. Ed eccolo, annunciato dallo scampanellio del calesse trainato da due maestosi murgesi, il nostro Santo. Inargentato come una statua della Passione, compianto da una vedova vestita a lutto. Sar il suo passaggio ad animare le successive stazioni e la macchina di attori, bandisti, cantanti, ballerini e cittadini del paese prestati all'arte, facendosi largo nella folla che segue il corteo addensandosi di strada in strada. Davanti alla chiesa dell'Annunziata cinque danzatrici si inerpicano su altrettante scale, facendosi largo nei ricordi degli anziani, nelle domande dei bambini del paese intervistati nelle settimane precedenti, che ora riaffiorano come totem giganti sul prospetto dell'edificio. E i ricordi si fanno carne in piazza Indipendenza, sul palco che accoglie un organetto e un passo di tango, come si usava di un tempo, sotto le chiome degli ulivi. Il rumore di una motosega interrompe l'incanto. L'intera parata sar un corpo a corpo con il destino dell'albero. Lutto e desiderio, rassegnazione e pianto, cerchio della vita e danza macabra. Una volta devono morire: come muoio io, tocca pure a loro commenta uno degli anziani proiettato in video e in piazza si ride anche. Dalla Torre dell'Orologio un angelo equilibrista cammina a testa in gi, e ha radici ai piedi, come se volassero via dalla terra. La banda da il l a altro requiem. Ai piedi del Santo, la vedova getta il velo mostrandosi vestita di fuoco. Lo pettina e lo bacia, lo accarezza, gli parla come a dirsi che no, non ancora il momento di piangerlo. Sull'ultimo palco di piazza San Nicola una corona di giovani ballerine scuote la terra e sfida il tronco disteso. Diretti da Anna Stigsgaard, con gli attori di Teatro Koreja, gli allievi attori del KorejaLab di Aradeo, la compagnia Equilibrio dinamico, Euthyma danza e benessere, il coro polifonico Amici della musica, il Concerto musicale citt di Aradeo, il coro di Santa Lucia, il coro dei bimbi Santissima Annunziata, la Libera compagnia teatrale e la compagnia Hypocrites: al termine di questa vasta ramificazione per le vie del centro, i partecipanti saranno oltre duecento. Difronte, sotto, intorno, una platea di migliaia di persone. Un paese. Fare comunit: questo il senso del teatro dir il direttore dei Cantieri teatrali Koreja Salvatore Tramacere. Una comunit intera che si chiama a raccolta sotto l'impeto di una domanda urgente, necessaria, al crepuscolo di una storia, all'alba di un'altra. In piazza San Nicola una piccola ballerina adagia un lenzuolo immacolato sull'ultimo tronco d'ulivo. Attori, bandisti, cantanti e ballerini salutano il carretto che parte. Quale strada lo attende? Torner mai? La risposta, in fondo, non ci che importa questa notte.
Testo di Giorgia Salicandro
Foto di Daniele Coricciati























postato da Koreja il dom 24 marzo 2019 alle 08:56 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ci che dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:05

Il circo dellumano e gli incubi di Pesadilla

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:02

Dita di miele, una godereccia e spassosa scappatella nellAldiqu

leggi tutto

gio 19 ottobre 2017 - 14:01

ECHI TRIBALI E RITUALI MISTICI PER LE "PREMESSE" DI MARISTELLA MARTELLA

leggi tutto

lun 18 settembre 2017 - 14:37

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 4

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 07:55

Teatro dei luoghi/Fineterra DIARIO 3

leggi tutto

mar 12 settembre 2017 - 11:35

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 2

leggi tutto

sab 09 settembre 2017 - 10:10

Teatro dei luoghi/Fineterra - Diario 1

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 14:34

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#5 - Un paese per il Santolivo

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:53

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#4 - Maestro, falli suonare ancora!

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#3 - I CUSTODI DELLA MEMORIA

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:48

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#1

leggi tutto

IN EVIDENZA