ven 15 settembre 2017 - ore 07:45

Teatro dei luoghi/Fineterra DIARIO 3



Walkabout Memorie di pietra – Il pasto della tarantola «A Lecce ero già stato. Certo il centro storico lo avevo attraversato, ma non lo avevo mai visto e “ascoltato” veramente. Con la radio è diverso: ti puoi distrarre senza distrarti, cammini e ti guardi intorno, ti perdi nello sguardo, ma la voce continua a parlarti, ti indica i particolari che ti circondano, ti sollecita. Sei libero, eppure resti collegato al flusso di pensiero». Non più di vent'anni, approdato nella terra promessa delle vacanze italiane negli ultimi giorni della grande festa estiva, il ragazzo continua a fissare il portale in pietra leccese eroso dalle stagioni. Poco più avanti una mamma spinge il passeggino col naso all'insù, al cospetto dell'enorme pino che svetta da un giardino di Vico dei Sotterranei, tanto alto da mimetizzarsi con il cielo. Una coppia di docenti universitari conosce a menadito le volute del centro, ma rallenta il passo incuriosito quando il gruppo indugia sulla soglia di uno storico pub. Molte ragioni, un unico percorso. Auricolare all'orecchio, le parole di Carlo Infante lambiscono gli angoli delle strade, schermano la superficie dei palazzi, distillando la vista. Chi scorge un fregio, chi capta il frammento di una conversazione dal brusio prodotto dalle comitive sparse mollemente sulle gradinate. “Memorie di pietra” è il tema di questa passeggiata per il centro storico di Lecce, con partenza dal Convitto Palmieri, che intende omaggiare il grande sperimentatore del teatro esperienziale, Silvio Panini, direttore della compagnia Koiné che ha caratterizzato il proprio lavoro agendo al di fuori degli spazi omologati dei teatri. «A un certo punto del suo percorso Silvio ha smesso di credere nella mera rappresentazione – spiega Carlo infante - ha capito che il teatro può essere una condizione abilitante, un dispositivo di coscienza, e lui ha usato questo potere per riavvicinare le persone alle cose che le circondano». Più tardi, approdato nel cortile del Convitto Palmieri, il gruppo verificherà il “principio attivo del teatro” attraverso un documento video di una performance allestita a Sutri, nel mezzo di un anfiteatro romano inghiottito da un enorme parco naturale. Uomini e donne dapprima titubanti, poi via via più liberi, convinti ad aspirare il muffoso odore del tufo, a tastare la roccia scolpita, a macchiarsi d'erba e di terra. «Silvio entrava nel merito delle cose» commenta Infante, mentre ricorda la “Degustazione di letame”, provocatoria osservazione partecipata tesa a «riscoprire la cognizione del mondo reale in ogni suo particolare». Ciò che si dà ai sensi, esaltato davanti alle porte della percezione attraverso il movimento del teatro. Così anche “Il pasto della tarantola”, scritto per Teatro Koreja, è una proposta in equilibrio mobile tra la scena e una realtà da guardare, annusare, gustare. Quando il gruppo oltrepassa il solido portone del Convitto Palmieri la tavola è già imbandita, e una fanciulla vestita di bianco – Ottavia Perrone - attende che la sua storia venga raccontata. Un pomodoro essiccato al sole, l'amaro lampascione che sa di terra, e poi la scapece della festa, e il vino offerto a San Paolo per la guarigione dall'impazzimento del ragno. I sapori scandiscono il racconto della maitre Anna Chiara Ingrosso. Il gruppo, invitato, assaggia, e è come se un verace Salento si liberasse da lingua a lingua, esplodendo infine nel corpo.
Di Giorgia Salicandro


postato da Koreja il mar 17 settembre 2019 alle 08:31 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




lun 16 settembre 2019 - 14:50

“LO STRANIERO NON È IL MIO NEMICO”

leggi tutto

gio 06 giugno 2019 - 07:48

LO STUPRO È VILE VIOLENZA, NON È UNA MALATTIA

leggi tutto

mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALITÀ

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

L’abito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dell’autismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ciò che è dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di un’emozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libertà ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarant’anni di civiltà

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si può morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

“VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R”: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATËR I RADËS: il viaggio disperato verso l’Altro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai più violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca l’anima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro “Entities-theater of gestures”, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO – DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA