lun 30 ottobre 2017 - ore 10:24

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore



di Beatrice Galluzzo

Anan Atoyama, coreografa giapponese, mette in scena uno spettacolo che rende omaggio a quella danza oscura nata dalle ceneri della seconda guerra mondiale in un Giappone sconvolto dagli orrori post-bellici e che risponde al nome di Butoh. Ma, soprattutto, si presenta come celebrazione devota, ma non asservita, a uno dei padri fondatori di questarte, Kazuo Ohno. Atoyama riprende, dunque, alcuni degli elementi tipici del genere, a partire dalla costruzione di una rarefatta atmosfera di destabilizzante e apparente illogicit. Impossibile, dunque, non partire da uneloquente citazione del mentore e ideatore di quella dimensione artistica da cui Hidden Body fiorisce. La cosa migliore che qualcuno possa dirmi che guardando la mia performance, ha iniziato a piangere. Non importante capire cosa io stia facendo; forse meglio quando non lo si capisce. Ma solo rispondere alla musica. Lasciamo sedimentare a fondo queste parole. Lasciamo che i semi germoglino.

Hidden Body , innanzitutto, semplicemente bellissimo. Candido, pulito, forte duna rigorosa ricerca estetica che appaga occhi e spirito in egual modo. Prendendoci un attimo, una pausa dalla sua valenza semiotica, iniziamo col dire che, a livello puramente visivo, la performance costruisce un luogo incantato immobile e sospeso, dove la stessa Atoyama e Francesca Cinalli si muovono circondate tra mille bicchieri, vuoti e pieni, di differenti grandezze e fatture. Larmonia tra gli elementi e la relazione che intercorre tra i corpi delle donne e gli oggetti, simbolici ed evocativi, non viene mai meno e non diviene ricerca vana di un estetismo sterile. Penso ad una macchina fotografica immaginaria, che scatta una foto per ogni secondo di Hidden Body: ecco, in ogni immagine sarebbe racchiuso un momento di rara eleganza.

Difficile stabilire il senso ultimo di unopera che rimane, perlopi, inafferrabile. Ma forse, proprio questo il punto. Hidden Body lascia allo spettatore il privilegio e lonere di sobbarcarsi personalmente il compito della ricerca di un senso, non esplicito e non dichiarato, ma che veste e accarezza come un guanto di seta lintimit dello spettatore, unico artefice definitivo di questa storia misteriosa. Certo, la pice li, sotto gli occhi di tutti. Ed fatta di oggetti e materia e corpi. Ma in qualche modo si deforma e si declina.
Ancora, penso ad un viaggio fra lingombrante e terribile presenza degli Assenti. Tutti coloro i quali se ne sono andati e non hanno mai pi voluto, o potuto, tornare. E noi li teniamo, ancora a met strada tra il ricordo e la realt, come se fossero ancora intorno a noi, perpetui e immobili. Il dolore devastante del non saper lasciare andare ci mastica lentamente, in un moto angoscioso che ci costringe a rivivere momenti e sensazioni dei tempi che furono. Attingiamo dal ricordo, sempieterno e funereo, che ci sovrasta e si palesa in ogni istante implacabile. Abbiamo bisogno di percepirlo, necessitiamo di essere avvolti dalla polvere dei corpi che non sono pi. Prima o poi, per, esplode la ribellione finale a questa reminiscenza forzata. E allora, possiamo darci pace.


postato da Koreja il mer 16 gennaio 2019 alle 01:34 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:05

Il circo dellumano e gli incubi di Pesadilla

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:02

Dita di miele, una godereccia e spassosa scappatella nellAldiqu

leggi tutto

gio 19 ottobre 2017 - 14:01

ECHI TRIBALI E RITUALI MISTICI PER LE "PREMESSE" DI MARISTELLA MARTELLA

leggi tutto

lun 18 settembre 2017 - 14:37

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 4

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 07:55

Teatro dei luoghi/Fineterra DIARIO 3

leggi tutto

mar 12 settembre 2017 - 11:35

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 2

leggi tutto

sab 09 settembre 2017 - 10:10

Teatro dei luoghi/Fineterra - Diario 1

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 14:34

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#5 - Un paese per il Santolivo

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:53

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#4 - Maestro, falli suonare ancora!

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#3 - I CUSTODI DELLA MEMORIA

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:48

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#1

leggi tutto

IN EVIDENZA

Società Cooperativa Koreja a r.l.

Centro di Produzione Teatrale
di Sperimentazione
e di Teatro per l'Infanzia e la Gioventù

c/o Cantieri Teatrali Koreja
via Guido Dorso 70, Lecce • Italia

tel./fax: +39.0832.242000 • 244013

mail: info@teatrokoreja.it
P. I.V.A.: 01446600759


|web design & code: Big Sur