lun 27 novembre 2017 - ore 14:03

Alessandro Leogrande



Alessandro Leogrande parte della famiglia Koreja.
Era un uomo, uno scrittore, un intellettuale di rara bellezza e forza.
Sapeva usare le parole per muovere i cuori. Era coraggioso nel suo lavoro, attento e minuzioso.
Ha dato voce a quanti non ne hanno avuta, senza mai smettere di interrogarsi.
A noi da oggi manca la sua voce e la nostra spezzata e senza parole.
Per noi il tempo passato insieme stato un onore, una forma di amore.
Grazie Alessandro, sarai sempre parte di questa famiglia.




La vita la puoi vivere, o puoi solo fare finta.
Alessandro Leogrande lha vissuta davvero. Il suo lavoro era una missione di pace, il suo lavoro voleva cambiare il mondo.
Quello di Koreja lo ha cambiato con le sue parole, lavorando con noi al testo di unopera, la Kater I Rades il Naufragio, che stata, comera nello stile di Alessandro, unimpresa coraggiosa e riuscita.
Avevamo ricevuto una commissione da parte della Biennale di Venezia: dovevamo progettare unopera. Musicalmente abbiamo avuto lintuizione di coinvolgere Admir Shkurtaj, compositore anche lui coraggioso e visionario, ma serviva un librettista. Il Naufragio, il libro di Alessandro sulla motovedetta albanese speronata al largo delle coste di Otranto nel 1997, un testo potente, corrosivo, e allo stesso tempo dotato di una forma poetica rara. Lui scriveva cos. Incontrava le persone, le guardava negli occhi, si concedeva e concedeva ai suoi interlocutori il privilegio dellattenzione, della cura, la dote del tempo da donare. Non aveva tempo Alessandro, impegnato comera in molte battaglie, eppure sapeva ascoltare, minuziosamente. La sua scrittura, anche se reportistica e documentata, era allo stesso tempo epica. Una sorta di epica moderna, che racconta di viaggi sventurati e degli ultimi al mondo, con grazia, con rispetto, senza eccedere mai in patetismi troppo facili.
Cos, abbiamo azzardato lincontro tra Alessandro, Admir e Koreja.
Alessandro, che era coraggioso e curioso, ha accettato di farsi librettista.
Ha scritto pur sapendo di non essere un librettista dopera.
Ha ridotto il suo libro in poche righe, in versi anche non chiari da un punto di vista dellascolto, ci ha infilato dentro frasi in albanese.
Ha avuto la passione e lumilt di piegare, stirare, ridefinire le sue parole per il bene dellarte, perch anche chi non aveva letto il suo libro potesse sapere qualcosa in pi. Perch tutti potessero sapere, ecco per chi scriveva Alessandro. Ci siamo chiesti cosa volessimo evidenziare di un libro intero perch il suo messaggio restasse inalterato in unopera di cinquanta minuti. Ci siamo anche guardati con sospetto, non sapendo bene dove stavamo andando. stato un lavoro lunghissimo, molto minuzioso, pi volte abbiamo rivisto la partitura musicale, la scrittura e la regia e spesso ci dicevamo: Ma che stiamo facendo? Stavamo lavorando nellunico modo in cui siamo capaci, mettendoci dentro la vita stessa. Il 12 Ottobre 2014, il giorno della prima al 58 Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia eravamo tutti, semplicemente, emozionati. Consapevoli di stare in un luogo massimo della musica, del teatro, dellarte, avevamo anche la consapevolezza che ci fossero persone di teatro molto importanti. Alessandro parte della famiglia di Koreja anche per questo suo modo di essere, timido ma puntuale, coraggioso ma non prosaico. Ci siamo scelti, come spesso capita in questo lavoro, perch per farlo davvero questo lavoro, bisogno scegliere di rinunciare anche un po a s. La sera dopo la prima a cena Alessandro, Salvatore, Admir, si sono trovati con Paolo Baratta, il Presidente della Biennale di Venezia e Ivan Fedele, il Direttore della stessa. Una situazione molto imbarazzante, una di quelle in cui dire le cose giuste e ridere al momento giusto, eravamo in uno di questi ristoranti di notte a Venezia. Con Alessandro ne abbiamo riso molto, dopo, pensando a quanto fosse strano trovarci in mezzo a queste persone, in un luogo quasi sacro ed essere, comunque, noi stessi.
forse scontato dirlo, per va detto. Eravamo continuamente pieni di idee e di progetti. Da qualche tempo cercavamo le condizioni economiche per fare un nuovo lavoro, volevamo ripetere la formula, la magia della Kater.
La magia poi la fanno le persone, la fa la dedizione delle persone che ci credono veramente: la formula dice che con la tua scrittura, il tuo teatro e la tua musica, devi provare a cambiare il mondo. Stavamo lavorando sui dittatori e sul potere.
Alessandro aveva la cura delle cose. Era attento, disciplinato, le sue parole erano precise eppure fantastiche, possedeva il significato delle parole, il loro senso profondo. quello che manca a noi oggi, un senso.
Le sue parole, il suo lavoro, per, restano. Noi le abbiamo tatuate in ogni angolo di questo teatro, le abbiamo sotto pelle, le sentiamo ancora:

"Si affollano i sommersi e i salvati, chi sopravvissuto e chi scomparso, le loro voci, i loro pensieri, e soprattutto il loro viaggio verso il buio, pieno di grandi ansie e piccoli desideri, sogni e paure, digressioni, apparizioni, improvvise rammemorazioni."

Alessandro Leogrande

Grazie Alessandro.
Teatro Koreja


postato da Koreja il dom 17 dicembre 2017 alle 02:15 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:05

Il circo dellumano e gli incubi di Pesadilla

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:02

Dita di miele, una godereccia e spassosa scappatella nellAldiqu

leggi tutto

gio 19 ottobre 2017 - 14:01

ECHI TRIBALI E RITUALI MISTICI PER LE "PREMESSE" DI MARISTELLA MARTELLA

leggi tutto

lun 18 settembre 2017 - 14:37

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 4

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 07:55

Teatro dei luoghi/Fineterra DIARIO 3

leggi tutto

mar 12 settembre 2017 - 11:35

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 2

leggi tutto

sab 09 settembre 2017 - 10:10

Teatro dei luoghi/Fineterra - Diario 1

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 14:34

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#5 - Un paese per il Santolivo

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:53

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#4 - Maestro, falli suonare ancora!

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#3 - I CUSTODI DELLA MEMORIA

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:48

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#1

leggi tutto

IN EVIDENZA

Società Cooperativa Koreja a r.l.

Centro di Produzione Teatrale
di Sperimentazione
e di Teatro per l'Infanzia e la Gioventù

c/o Cantieri Teatrali Koreja
via Guido Dorso 70, Lecce • Italia

tel./fax: +39.0832.242000 • 244013

mail: info@teatrokoreja.it
P. I.V.A.: 01446600759


|web design & code: Big Sur