lun 08 gennaio 2018 - ore 16:36

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro



di Beatrice Galluzzo
Acqua. Acqua a perdita docchio. Onde spumeggianti e fredde, viscose e nere come una coperta di sale. Il mare, come un Dio Indifferente sospinge tra i suoi flutti una piccola imbarcazione, Katr i Rads. Era il Venerd Santo dellanno 1997 e lAlbania stava precipitando in uno dei baratri pi bui della sua storia. I figli e le figlie di quellAlbania in disordine portano quello che hanno, perlopi stracci e prole, su una piccola barca, diretta nel Canale dOtranto. Legno, chiodi arruginiti e salsedine. Dopodich, lultima speranza fu speronata dalla corvetta Sibilla della Marina Militare Italiana, e col a picco come un sasso lasciato cadere distrattamente nelle acque.
Dalle profondit di un abisso, che sia dacqua, che dumanit, la Compagnia Teatrale Koreja, in coproduzione con la Biennale di Venezia, riprende la storia infausta di questa motovedetta albanese. Lopera, diretta da Salvatore Tramacere, prende le mosse dal reportage di Alessandro Leogrande, Il Naufragio, donando volti e voci, plasticit e corpi ai 120 uomini, donne e bambini che salparono da Valona in rotta per lItalia.
Le musiche di Admir Shkurtaj accompagnano la soave disperazione delle donne in partenza. Intonano liriche e canti, lamenti e gorgheggi. Un piano mobile lentamente si avvicina al centro della scena: Katr i Rads. Lanciano un ultimo sguardo al di l, verso quelle coste in attesa di essere perdute, verso quella patria amata e infame. Il coro polifonico di musica tradizionale albanese accenna un canto popolare, che un accorato e simbolico addio. I cinque coristi in abiti tipici, sono persone, certamente, ma solo allinizio. Man mano che le ugole intonano e gli sguardi di chi parte e chi resta si incontrano, cessano di essere tali, e come per incanto divengono Cultura, Tradizione, Radici. Nucleo pulsante della Patria, nel suo senso pi vero e passionale. Sono tutto ci che rimane, indissolubile e tenace, ramificato intorno al cuore di chi, per necessit, fugge. A sovrastare il tutto, abbarbicati su una struttura in metallo, torre di controllo, tre paia di occhi sovrastano la scena. Trasmettono luno allaltro, con voci a met tra la telecomunicazione radar e il bisbiglo luciferino, linformazione circa la presenza di unimbarcazione in avvicinamento alle coste.
Una serie di riflessioni amare sono figlie di questopera che si prende lonere di raccontare un passato carico degli echi assordanti del presente. Il merito imprescindibile quello di aver mostrato, con cruda poesia, una di quelle tante piccole storie che sono sempre le Storie degli Altri spesso celate o taciute, perse per sempre nellimpersonalit devastante del numero, della somma e dellasettico bilancio; persone che diventano numeri. Ma quando avviene il contrario, allora la magia dellUomo che si riappropria di se stesso attraverso lAltro. Questo il sottofondo da cui prende le mosse Katr i Rads, declinabile, poi, in senso filosofico e politico, a seconda della disposizione danimo dognuno. Ma sia che si abbia linclinazione verso lideale, sia che si viri sul pragmatismo, le acque di questo Mar Mediterraneo raccontano con gesti e musica. E le abbiamo sentite anche noi al di qua del palco, a bagnarci, gelide, le caviglie.


postato da Koreja il ven 19 ottobre 2018 alle 12:00 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:05

Il circo dellumano e gli incubi di Pesadilla

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:02

Dita di miele, una godereccia e spassosa scappatella nellAldiqu

leggi tutto

gio 19 ottobre 2017 - 14:01

ECHI TRIBALI E RITUALI MISTICI PER LE "PREMESSE" DI MARISTELLA MARTELLA

leggi tutto

lun 18 settembre 2017 - 14:37

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 4

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 07:55

Teatro dei luoghi/Fineterra DIARIO 3

leggi tutto

mar 12 settembre 2017 - 11:35

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 2

leggi tutto

sab 09 settembre 2017 - 10:10

Teatro dei luoghi/Fineterra - Diario 1

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 14:34

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#5 - Un paese per il Santolivo

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:53

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#4 - Maestro, falli suonare ancora!

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#3 - I CUSTODI DELLA MEMORIA

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:48

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#1

leggi tutto

IN EVIDENZA

Società Cooperativa Koreja a r.l.

Centro di Produzione Teatrale
di Sperimentazione
e di Teatro per l'Infanzia e la Gioventù

c/o Cantieri Teatrali Koreja
via Guido Dorso 70, Lecce • Italia

tel./fax: +39.0832.242000 • 244013

mail: info@teatrokoreja.it
P. I.V.A.: 01446600759


|web design & code: Big Sur