mar 17 luglio 2018 - ore 08:05

Diario di un workshop



di Annarita Risola
Quando il dolore attraversa la mente di un bambino come un pennello che s'intinge nell'inchiostro. Porter con s, per sempre, una traccia. Quando si puri, non contaminati, improvvisamente tutto intorno cambia e le persone care, i punti di riferimento si perdono. Subentra quell'incapacit di cogliere il senso delle cose; quel particolare dolore dettato dalla malvagit di uomini apparentemente simili a noi, che disorienta e crea confusione. L'incapacit di comprendere il motivo di tanta crudelt, provocher quella sensazione di vuoto d'aria che accompagner per sempre le piccole anime violentate che porteranno per sempre con loro quell'intima percezione di eterna disperazione. Paul Celan da quel treno in sosta a Berlino durante la "Notte dei cristalli" virtualmente non scender pi. Il tormento e l'angoscia termineranno abbandonando il suo corpo alla Senna, nella notte tra il 19 e il 20 Aprile 1970. Nelly Sachs ha saputo convogliare quel dolore nelle sue poesie. Insignita col premio Nobel per la Letteratura nel 1966, morir il 12 Maggio dello stesso anno. Chiara Guidi, regista, attrice, cantante, porta in scena questo dolore. Lo dichiara apertamente. Non desidera soffermarsi sulle parole che non cerca di spiegare ma neppure se ne sottrae dando loro un significato nel modo pi istintivo, quello primordiale, quello usato quando la comunicazione era affidata ai suoni. Ed cosi che restituisce al dolore la sua forza, la sua crudelt. Dolce, mite, fiera e forte, Chiara, . Al di l di ci che dice, danza con le mani, sposta i suoni li insegue, li placa, li domina, disegnandoli nell'aria con precisa chironomia. Il suo progetto ambizioso, complesso e suscita emozioni profonde. Azzardo a dire che l'intento quello di restituire ai ricordi il dolore, evocandolo, richiamandolo ancora con forza, per poi lasciarlo andare via, come l'aria, accompagnandolo fuori...alla porta e...chiudendola per sempre.


Diario

12 luglio, primo giorno, ore 15, siamo in attesa che tutto abbia inizio; alla spicciolata donne e uomini la maggior parte dei quali vestiti di nero, entrano nel teatro Koreja, luogo dell'appuntamento. Lei gi li, quasi in "cattedra" in attesa che i suoi allievi arrivino, ansiosa d'iniziare. Foulard intorno al collo, figura minuta, capelli lunghi raccolti in una treccia. L'entusiasmo, si legge chiaramente nei volti dei partecipanti. C' un bel clima, si respira entusiasmo, lo si legge chiaramente nei volti dei partecipanti. Ci presentiamo e ad un certo punto:" che ora sono?", domanda la signora che ormai abbiamo capito essere Chiara Guidi, "le 15 e 15" rispondo, e lei:" tardi, su dai iniziamo!". Ci spiega brevemente che l'idea del "Coro Cittadino",nasce dalla corrispondenza epistolare tra Nelly Sachs e Paul Celan e che il suo fine arrivare ad essere il luogo della moltitudine che diventa una voce sola, quello cio di apprendere la voce delle singole voci, mettendo in atto il "noi". Sul tavolo di vetro, decine di fogli sparsi, iniziamo dai materiali da portare, abito nero, fazzoletto, borsa nera, carta di giornale...e noi come a scuola trepidanti, in attesa del compito farci assegnare. Le prove pratiche iniziano subito dopo col riscaldamento della voce, il suono che viene da lontano e va ascoltato nel silenzio, il suono della mela raccolta dall'albero e portata gi. Questo sar il suono per il Coro degli Orfani, ritmato e severo, quello del Coro dei Salvati in falsetto. Con una parabola discendente ad ogni chiusura la parte femminile. Ben ritmata quella maschile, infine inizialmente sussurrato e poi gridato quello dei "Nascituri".

13 luglio, secondo giorno ore 17. Puntuali. Riscaldamento della voce e ripasso del brano, con nuove sfumature e nuovi dettagli. Ci spostiamo per le prove al teatro Romano di Lecce L'emozione grande. qui che capisco la tensione di Chiara Guidi, qui emerge quel "dietro le quinte" di un lavoro teatrale, fatto di luci, di suoni, di posizioni, di voci registrate, di volumi, dinamiche, movimenti, quelli che ad un occhio poco attento possono apparire dettagli, sono gesti che, pur piccoli, acquistano un grande valore. Chiara avanza, indietreggia, vaga sulle gradinate alla ricerca del suono e del volume giusto; della luce che dia quel calore e quel tono di bianco che come la pennellata dell'artista dia vita al proscenio.

14 luglio, terzo giorno, ore 16.30. Ormai consapevoli dell'obiettivo finale e volenterosi di raggiungere un buon risultato cerchiamo di fare del nostro meglio e le prove durano fino a meno di un'ora dallo spettacolo. Il pubblico lentamente riempie il Teatro Romano. Silenzio, buio. II vibrafono di Natn suona continuamente per ricordare il tormento, ma lo fa dolcemente, percosso o sfiorato dall'archetto. Le luci di Andrea rivelano i volti dei protagonisti, la magia di Chiara Guidi posseduta da voci che non le appartengono, e poi Noi, partendo da ..Noi...e cosi, tra gli applausi si conclude questa particolare avventura umana. "Il dolore, sabbia, polvere. E lo spessore della polvere crea il silenzio, ma lo spessore accumulato la voce di tutti il profumo del tempo che va via".


postato da Koreja il dom 26 maggio 2019 alle 01:05 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALIT

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

Labito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dellautismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ci che dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA

Società Cooperativa Koreja a r.l.

Centro di Produzione Teatrale
di Sperimentazione
e di Teatro per l'Infanzia e la Gioventù

c/o Cantieri Teatrali Koreja
via Guido Dorso 70, Lecce • Italia

tel./fax: +39.0832.242000 • 244013

mail: info@teatrokoreja.it
P. I.V.A.: 01446600759


|web design & code: Big Sur