ven 14 dicembre 2018 - ore 11:57

UN VUOTO RUMOROSO



di Ida Barbalinardo

foto di Alice Stella
Ho sempre fatto un po' a pugni con il periodo storico durante il quale sono nata. I momenti in cui riesco a farci pace, a vederne i vantaggi e i lati positivi, vengono spesso soppiantati da un senso di inadeguatezza, quasi di insofferenza. Basta poco: una canzone, un vecchio film, mio padre e i racconti appassionati sulla sua giovinezza, i ritorni a Pisticci, paese d'origine della mia famiglia e luogo in cui ancora ritrovo qualche stralcio di quella genuinit quasi del tutto perduta. Che non mi si fraintenda: questo non vuole essere il solito discorso retorico da "si stava meglio quando si stava peggio". E' solo la percezione di un vuoto, di un inaridimento, di un eccesso di forma rispetto alla sostanza.
"Chiedi chi era Francesco" stato uno tra i tanti "pretesti" per risvegliare dal torpore questo mio senso di estraneit. Il regista Andrea Adriatico, attraverso le parole di Grazia Verasani, porta in scena qualcosa di differente dalla semplice cronaca degli avvenimenti legati all'uccisione dello studente e militante di Lotta Continua Francesco Lorusso. Le comuni aspettative nei confronti degli spettacoli a tema storico sono, infatti, totalmente sovvertite: ne viene fuori un lavoro intelligente, il cui obiettivo principale rivolgersi a chi il '77 non l'ha vissuto. Alla giovent. Alla mia generazione tanto bistrattata. Il tono utilizzato non assolutamente paternalistico o moralista, come forse ci si aspetterebbe. Al contrario, ci si serve dei racconti e del ricordo di chi c'era per riferirsi a chi non sa e per riportare alla luce i sogni e gli ideali traditi di una fase della nostra storia tanto conflittuale, quanto piena.
Punto di partenza dello spettacolo la narrazione del profilo biografico di Francesco Lorusso affidata agli attori, in piedi all'interno di un riquadro ricavato sulla scena e presentati di spalle. Quest'ultima caratteristica si protrarr per la quasi totalit della messinscena. Non ci dato conoscere i loro volti e analizzarne le espressioni, se non nella seconda parte dello spettacolo, attraverso delle proiezioni. Ne risulta un prodotto che, per le sue componenti, pare pi cinematografico che teatrale. A essere protagonista quindi la parola che, filtrata dal personale vissuto di ogni spettatore, diventa immagine, ricordo o sogno, rievocazione di un ideale, inevitabile confronto con la contemporaneit; suscita in chi ascolta, tramite il racconto del passato, una riflessione sul presente. E cos che sorge spontaneo chiedersi: cosa cambiato? Cosa abbiamo perso? Cosa, invece, ci rimasto?
Terminato il resoconto biografico echeggiano, nel silenzio, degli spari. Una nube di fumo investe la platea. Chi in scena fugge terrorizzato fuori dalla sala. Soltanto uno di questi non scappa, non urla, non chiede aiuto, non si muove: Francesco Lorusso che, raggiunto da uno dei proiettili, giace scomposto e senza vita sul pavimento. Passa qualche secondo e ci si ritrova nel 2018: ai piedi del pubblico resta ancora, immobile, il corpo esanime del giovane. Rimarr l per tutta la durata dello spettacolo: simbolo del passato, monito per i presenti e per una societ come la nostra, che sembra non avere memoria. La scenografia invece abitata da una stazione radiofonica, simbolo del presente. E' l'11 novembre, quarantunesimo anniversario di quanto accadde a Bologna, in Via Mascarella. La speaker, nella comunicazione con i suoi ascoltatori, d vita a una costante alternanza di due registri temporali: riporta in diretta continui aggiornamenti sulla cronaca; ascolta i racconti di chi era presente; fornisce informazioni e parla della sua esperienza di quegli anni a chi non era neanche nato; manda in diffusione pezzi musicali significativi di quell'epoca, ma anche della nostra.
In quest'altalena tra storia e contemporaneit, significativi sono gli interventi di tre ascoltatori. Interrotti nelle loro azioni quotidiane e proiettati direttamente sulla scenografia: essi offrono suggestioni e punti di vista differenti. Alla guida della sua macchina troviamo una donna, ormai mamma da tempo, che d sfogo alla propria nostalgia riportando alla luce gli ideali di condivisione di quella generazione, il tradimento di questi e la conseguente disillusione che la porta addirittura a non usufruire pi del suo diritto di voto. C' poi un signore ancora in et giovanile che, durante la sua corsetta serale, prorompe in una manifestazione di rabbia verso il presente, verso chi ha violato i suoi sogni, verso chi, quell'11 novembre, ha sporcato con il sangue il progetto di una societ pi giusta. Una sfiducia furente che assume, come punto di partenza, l'immagine della miriade di vetrine rotte all'indomani degli scontri.
L'ultimo a intervenire un ragazzo trovatosi ad ascoltare la stazione radiofonica mentre, in preda alle pene d'amore, freme sotto casa della sua fidanzata perch gli venga data un'altra possibilit. E' confuso e incuriosito: non lo sa mica chi questo Francesco, ma rimasto rapito da quelle che sono state le testimonianze degli ascoltatori precedenti e vuole sapere. Allo stesso tempo, per, come se non riuscisse a comprenderne appieno le ragioni. "Non sarebbe stato meglio se fosse rimasto a casa a fare l'amore con la sua donna?": risponde riferendosi alla vittima di Via Mascarella. Punto finale e focus dello spettacolo, questo giovane fotografia di una generazione: la mia, 23 anni, classe 1995. Ne riassume le colpe, ma anche le inquietudini e le mancanze. Una generazione in parte pigra, poco protagonista del proprio presente, che tende a non sfruttare pienamente gli strumenti a sua disposizione. Una generazione che non conosce questo spirito di assoluta condivisione e che vorrebbe poterlo rivivere. Una generazione sicuramente non priva di ideali, ma vittima della precariet del suo tempo e immersa nella solitudine. Una solitudine che a volte tende a estremizzarsi e a evolvere in egoismo, individualismo, paura del diverso, istinto separatista.
In che misura, noi giovani, siamo responsabili del vuoto che ci circonda? E in che misura ne siamo semplicemente vittime? A quando risale di preciso il momento di rottura di quegli ideali? Per quale motivo ci ritroviamo nel 2018 ad affrontare gran parte delle stesse problematiche sociali del passato? Perch ci troviamo ad essere rappresentati da gente che fa della discriminazione il proprio slogan? Perch non riusciamo a imparare dalla storia? Dobbiamo davvero rassegnarci all'idea che la lotta per un mondo pi giusto, sia inutile? Che forma ha, oggi, la lotta? E quale senso? "Chiedi chi era Francesco" dunque questo: non una critica alla giovent contemporanea, ma un tentativo di portare in superficie il clima in cui questa vive e si sviluppa. La percezione di un vuoto che, se pensato in relazione al passato, fa ancora pi rumore.


postato da Koreja il mer 16 gennaio 2019 alle 01:46 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di unemozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libert ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarantanni di civilt

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si pu morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATR I RADS: il viaggio disperato verso lAltro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai pi violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca lanima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro Entities-theater of gestures, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:05

Il circo dellumano e gli incubi di Pesadilla

leggi tutto

sab 21 ottobre 2017 - 09:02

Dita di miele, una godereccia e spassosa scappatella nellAldiqu

leggi tutto

gio 19 ottobre 2017 - 14:01

ECHI TRIBALI E RITUALI MISTICI PER LE "PREMESSE" DI MARISTELLA MARTELLA

leggi tutto

lun 18 settembre 2017 - 14:37

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 4

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 07:55

Teatro dei luoghi/Fineterra DIARIO 3

leggi tutto

mar 12 settembre 2017 - 11:35

Teatro dei luoghi/Fineterra - DIARIO 2

leggi tutto

sab 09 settembre 2017 - 10:10

Teatro dei luoghi/Fineterra - Diario 1

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 14:34

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#5 - Un paese per il Santolivo

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:53

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#4 - Maestro, falli suonare ancora!

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#3 - I CUSTODI DELLA MEMORIA

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#2

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:48

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO DIARIO#1

leggi tutto

IN EVIDENZA

Società Cooperativa Koreja a r.l.

Centro di Produzione Teatrale
di Sperimentazione
e di Teatro per l'Infanzia e la Gioventù

c/o Cantieri Teatrali Koreja
via Guido Dorso 70, Lecce • Italia

tel./fax: +39.0832.242000 • 244013

mail: info@teatrokoreja.it
P. I.V.A.: 01446600759


|web design & code: Big Sur