Calendario

Ottobre 2020


31 ott

Odin Teatret/Eugenio Barba

La casa del sordo

immagine di copertina rassegna Natën, Má

Strade Maestre 2020 // Teatro

Non posso continuare,
continuerò

2020

Teatro Metropol - Qendra Kulturore Tirana

Natën, Má

Natën, Má ”, il dramma dell’autore Marsha Norman, vincitore del Premio Pulitzer e del World Theatre Award, arriva come produzione esclusiva del Metropol Theatre, diretto da Ema Andrea e dall’ interpretazione di Ilire Vinca e Jonida Beqo. Telma, una donna sulla cinquantina, vive con la figlia di 30 anni, Jesse, nella stessa casa. In una serata apparentemente ordinaria, tra parlare di manicure e shopping della settimana, Jesse scende improvvisamente dalla soffitta con la pistola di suo padre. Comunica con calma a sua madre una decisione importante che cambierà la vita di entrambi. Nell’ora successiva si rivela lo straordinario nella routine della vita, l’urgenza nel normale e la disperazione nell’amore.

REMOTE è un progetto finanziato dall’INTERREG ITA-ALB-MONT che pone l’attenzione sui beni inutilizzati e sul patrimonio dissonante presenti nell’area del programma. Nelle città dell’area di programma insistono numerosi esempi di siti storici, culturali o ambientali oggi inutilizzati o non valorizzati. Sono luoghi ad alto valore storico che necessitano di essere ripensati e valorizzati in chiave culturale. REMOTE analizza l’opportunità di esportare alcune buone pratiche di gestione dei siti nell’area del basso Adriatico. Un primo intervento è stato realizzato in un luogo specifico in Albania: il Campo di Lavoro Forzato di Tepelene. Questa seconda parte, denominata B2B, si tiene ai Cantieri Teatrali Koreja e vuole mettere in connessione realtà virtuose da questa e all’altra parte del mare mediante l’incontro di quanti operano proficuamente nel campo culturale e artistico. Il catalizzatore di questa importante commistione di esperienze è il Distretto Produttivo Puglia Creativa. 


di Marsha Norman Regia Ema Andrea Interpretano Ilire Vinca, Jonida Beqo Musica Bojken Lako Scena Enio Shehi Identiteta visuale Vincenzo Giannattasio