Calendario

February 2024


22 feb

La Piccionaia

SEI STATO TU


24 feb

La Piccionaia

SEI STATO TU

Ama Factory

Un giorno di fuoco


25 feb

Ama Factory

Un giorno di fuoco

immagine di copertina rassegna MELODICO

Extra // Musica

Andrea Sabatino , Vince Abbrcciante

MELODICO

foto MELODICO

Sabato 17 febbraio alle 20.45, presso i Cantieri Teatrali Koreja di Lecce, ci sarà il concerto di presentazione di “Melodico”, il nuovo progetto discografico di Andrea Sabatino prodotto da Maria Agostinacchio per l’associazione Festinamente e da Maurizio Bizzochetti per l’etichetta Dodicilune (ingresso 10 euro). In questo nuovo album il jazz creativo e moderno del trombettista salentino si fonde con l’eleganza classica e raffinata del fisarmonicista Vince Abbracciante.

Il duo propone la rivisitazione di otto brani che hanno fatto la storia della musica italiana: “Cos’hai trovato in lui” di Bruno Martino, due grandi successi cantati da Mina come “Noi due”, firmata da Alberto Testa e Augusto Martelli, e “Brava” del direttore d’orchestra, compositore, arrangiatore e paroliere Bruno Canfora, “La strada” di Nino Rota, dalla colonna sonora dell’omonimo film di Federico Fellini, “Ho capito che ti amo” e “Angela” di Luigi Tenco, “L’ultima occasione” di Jimmy Fontana e “Un giorno ti dirò” di Gorni Kramer, brano portato al successo, tra gli altri, dal crooner Nicola Arigliano.

«La musica di questo disco è un fiore raro, nato dalla passione, dalla creatività e dalla cura di Andrea Sabatino e Vince Abbracciante. La scelta dei brani, oculata e molto originale, serve da ponte di lancio per una serie di improvvisazioni di altissimo livello», sottolinea Enrico Rava nelle note di copertina. «È un grandissimo piacere constatare il percorso di Andrea che, da quando l’ho conosciuto 10 anni fa, si è trasformato da trombettista emergente molto dotato in un musicista maturo e molto interessante, con un controllo invidiabile sullo strumento e un senso per la melodia fuori dal comune. Questa è anche l’occasione per me di conoscere un musicista unico e straordinario come Vince Abbracciante. È un viaggio nella grande musica italiana di cui si sentiva il bisogno».