Calendario

Aprile 2020


08 ago

Stefano Massini /Ex Convento dei Teatini

Dizionario inesistente

Produzioni

Per fare un teatro di mani, pensieri, piedi e parole, di cuori, di occhi e di sogni

Uno spettacolo di Koreja

Sogno in scatola

cartometraggio

c’era una notte scura/ c’era una notte senza paura/ c’era una notte di stelle e nuvole/ c’era una notte di mille e più lucciole/ c’era una notte e forse c’è ancora/ c’era anche un giorno…

Un nuovo modo di raccontare mediante l’invenzione del cartometraggio: tra rime, illustrazioni, scatole e suoni si srotola una storia visionaria per ascoltare, guardare e immaginare. Uno spettacolo per tornare a sognare e per restituire la dimensione
dell’ascolto ai più piccoli. Lontano dalle tecnologie, si svolge la storia di un bambino che gioca con le scatole e la sua immaginazione. Le scatole sono luoghi magici, dove i giochi prendono vita: aprirne una è una sorpresa infinita!
Una scatola può essere la stanza dove ogni bambino inventa la sua storia, può essere il mare, il cielo e tutte le stelle. Di certo, una scatola è il posto sicuro dove custodire i segreti, raccogliere i sogni e immaginare il mondo.

Guarda il video


progetto di Francesco Cortese e Ottavia Perrone testo e illustrazioni di Ottavia Perrone con Ottavia Perrone e Francesco Cortese cura artistica Carlo Durante,Silvia Ricciardelli e Salvatore Tramacere consulenza allestimento Lucio Diana disegno luci Carlo Durante allestimento tecnico Mario Daniele organizzazione e tournée Laura Scorrano e Georgia Tramacere Foto di Enrico Rollo