Calendario

Aprile 2020


31 ott

Odin Teatret/Eugenio Barba

La casa del sordo

Produzioni

Per fare un teatro di mani, pensieri, piedi e parole, di cuori, di occhi e di sogni

uno spettacolo di Koreja

Il Matrimonio

Da Nikolaj Vasil’evič Gogol’

Quid rides?… De te fabula narratur.
Che c’è da ridere?…E’ una storia che ci riguarda tutti.
Orazio, Satire, I, 1, 69-70

La commedia in due atti composta da Gogol poco meno di due secoli fa, torna in teatro con i suoi personaggi divertenti, quasi buffi. Personaggi catapultati ai nostri giorni che nascondono inquietudini e abissi di solitudine. Al centro di questa rilettura del testo, ancora una volta, l’uomo e i suoi conflitti visti attraverso uno schermo: sembra di assistere ad una trasmissione televisiva dove uomini e donne cercano l’intimità grazie a un sensale mediatico e proprio come in una trasmissione televisiva dove tutto è finto, costruito alla perfezione, si confrontano a botte di colpi di scena e lasciano spazio alla spettacolarizzazione del pianto e della tragedia che diventa la vera protagonista.
A questo punto il teatro non può far altro che interessarsi all’uomo e analizzarlo senza pietà.

Guarda il video


idea e progetto Salvatore Tramacere  Lucio Diana adattamento e regia Salvatore Tramacere con Ivan Banderblog, Francesco Cortese, Giovanni De Monte, Carlo Durante, Erika Grillo, Anna Chiara Ingrosso, Emanuela Pisicchio, Fabio Zullino aiuto regia Giovanni De Monte scenografia e luci Lucio Diana realizzazione scene laboratorio Cantieri Teatrali Koreja aiuto allestimento Angela Chezzi tecnici Mario Daniele, Alessandro Cardinale cura della produzione Laura Scorrano Georgia Tramacere foto di Angela Chezzi