Calendario

Aprile 2020


06 ott


07 ott


08 ott


10 ott

Fondazione Barba Varley

Dimostrazioni di lavoro-spettacolo


11 ott

Fondazione Barba Varley

Dimostrazioni di lavoro-spettacolo


12 ott

Fondazione Barba Varley

Dimostrazioni di lavoro-spettacolo


13 ott

Fondazione Barba Varley

Living Archive Floating Islands


21 ott

Teatro dei Borgia /Teatro Koreja

Il lavoro sul lavoro +Le donne


22 ott

Teatro dei Borgia /Teatro Koreja

Il lavoro sul lavoro +Le donne


25 ott


26 ott


30 ott

Teatro Koreja in collaborazione con Babilonia Teatri

Essere o non essere


31 ott

Teatro Koreja in collaborazione con Babilonia Teatri

Essere o non essere

Produzioni

Per fare un teatro di mani, pensieri, piedi e parole, di cuori, di occhi e di sogni

Produzione Teatro Koreja in collaborazione con il Teatro La Fenice di Venezia

America (1999)

Opera in un prologo e otto scene dal romanzo di Franz Kafka

Il progetto di America nasce dalla stretta collaborazione fra la librettista Pìlar Garcia, il compositore Luca Mosca, il regista Salvatore Tramacere, la Cooperativa Teatrale Koreja di Lecce e il Laboratorio Novamusica di Venezia. La concezione del lavoro scaturisce dall’idea comune di superare i confini fra teatro parlato e cantato nella volontà di rendere viva la parola attraverso un complesso gioco di relazioni sonore.

La duttilità degli attori di Koreja e la loro capacità di affrontare disinvoltamente la scrittura musicale hanno dato la possibilità di concepire una partitura che sfruttasse al meglio le loro possibilità e che le coniugasse con quelle dei cantanti con voce impostata e con quelle dei sei strumentisti dell’orchestra.

La sfida di questo spettacolo è trovare quel punto mediano in cui il canto può farsi parola e la parola canto, in un gioco di rimandi e di allusioni al “suono” che è una via per scrivere, soprattutto oggi, un’opera di teatro musicale. La scelta di America, in quest’ottica, non è certo casuale. Dei tre romanzi kafkiani è senz’altro quello che offre un più ampio spettro di spunti drammatici frammentato com’è in otto quadri fortemente caratterizzati.

La storia quasi dickensiana dell’adolescente Karl Rossman, spedito nel nuovo mondo dai genitori a causa di una tragicomica avventura erotica con una cameriera, offre la possibilità di innumerevoli situazioni sonore sia legate al tema del viaggio e dell’iniziazione alla vita, sia alla scoperta di un mondo, anche acustico, di frenesia e di libertà, di incubo e di incomparabile apertura linguistica.


con Antonio Aluisi, Ippolito Chiarello, Devis Fugolo, Cristina Mileti, Fabrizio Pugliese, Alessandro Bellanova, Silvia Ricciardelli, Nada Torto, Silvana Torto e Laboratorio Novamusica Mirko Busatto, Stefano Cardo, Carlo Carratelli, Massimiliano Donninelli, Piergabriele Mancuso, Antonio Calligioni, Cecilia Vendrasco libretto di Pilar Garcìa musiche Luca Mosca maestro concertatore e direttore Giovanni Mancuso regia Salvatore Tramacere
scene Luca Ruzza luci Lucio Diana cura tecnica Marco Oliani