Calendario

Aprile 2020


20 lug

Stefano Massini

Alfabeto delle emozioni


21 lug

Concita De Gregorio e Erica Mou/Teatri di Bari

Un’ultima cosa


22 lug

Ermanna Montanari/Albe

Vergine madre, figlia del tuo figlio


23 lug

Masque teatro e a seguire Dewey Dell

Voodoo

Dewey Dell

Deriva traversa

Teatro Koreja

Paladini di Francia


24 lug

Spellbound Contemporary Ballet

The real you

Leo Bassi

70 Anni


25 lug

Parini Secondo + Parini Secondo / Bremo

Speeed +What will happen tomorrow

Ivo Dimchev

Top Faves

Produzioni

Per fare un teatro di mani, pensieri, piedi e parole, di cuori, di occhi e di sogni

di Gabriel García Márquez

L’angelo caduto (1995)

da Un signore molto vecchio con certe ali enormi

Un giorno, tanti anni fa, nel nostro antico paese vicino al mare, ci fu una violenta tempesta, così furiosa che persino i granchi scappavano dagli scogli per rifugiarsi nelle case della terraferma.
Così il nostro paese era immerso nel fango e lì, in mezzo ai granchi terrorizzati, stava riversa un’altra strana creatura, un vecchio straccione, povero e fradicio, che non riusciva a sollevarsi “… perché glielo impedivano le sue enormi ali”.

Così la narrazione che dà origine allo spettacolo introduce, suo malgrado, il protagonista, la figura spirituale di un angelo abbattuto dal fortunale, in mezzo a una umanità povera e ingenua, colorata e credulona, dominata da superstizioni, sostenuta da credenze popolari e, per contrasto, da un sano
quasi cinico pragmatismo.

L’angelo sarà così, per un po’, l’oggetto dell’attenzione e speculazione dell’intero paese e, attraverso i suoi occhi, il pubblico potrà godere il divertimento, la spudoratezza della “salamoia” umana dai mille caratteri che via via gli fluirà davanti.


con Ippolito Chiarello, Cristina Mileti, Fabrizio Pugliese adattamento teatrale, direzione, scene Paola Roman cura tecnica Marco Oliani con la collaborazione di Salvatore Tramacere