Calendario

Gennaio 2020


19 gen

Teatro dell’Argine

Ricordi?

Teatro dell’Argine

Ricordi?


20 gen

Teatro dell’Argine

Ricordi?


21 gen

Teatro dell’Argine

Ricordi?

Tourneè


22 gen

Tourneè


23 gen

Tourneè


24 gen

Teatro Stabile di Catania

Scintille


25 gen

Tourneè

Teatro Stabile di Catania / Laura Curino

Scintille


28 gen


29 gen


30 gen


31 gen

immagine di copertina rassegna Scintille

Strade Maestre // Teatro

Chi ha resistito,
gli è fiorito il cuore

2019/2020

Teatro Stabile di Catania / Laura Curino

Scintille

New York, sabato 25 marzo 1911, ore 16.40: manca un quarto d’ora alla chiusura della fabbrica Triangle Waistshirt Company, produttrice di camicette. Sono al lavoro circa 600 persone, per lo più donne giovanissime.

La maggior parte sa a malapena l’inglese: sono immigrate italiane o dall’Europa dell’Est. Una scintilla. In un attimo, all’ottavo piano del grattacielo che ospita la fabbrica, prendono fuoco le camicette appese sopra le teste delle lavoratrici, gli avanzi di tessuto ammucchiati in enormi cumuli negli stanzoni, i rocchetti di filo. Non esiste un’adeguata protezione antincendio. Le porte sono sbarrate: le hanno chiuse i proprietari della fabbrica, per impedire che le lavoratrici escano prima dell’orario stabilito. La tragedia si svolge in 18 minuti: 146 morti, quasi tutte ragazze.

Laura Curino rievoca questa giornata dal punto di vista di tre lavoratrici, una madre e due figlie, emigrate dall’Italia in cerca di fortuna. Negli anni precedenti le operaie avevano tentato inutilmente di ottenere migliori condizioni di lavoro e di sicurezza. Seguiranno una serie di processi, da cui i proprietari della fabbrica usciranno praticamente impuniti. Ma la scintilla della protesta si è sprigionata da questa terribile vicenda, che diventerà uno dei precedenti storici per la Festa della Donna.

Guarda il video


con Laura Curino scritto e diretto da Laura Sicignano ricerca storica Silvia Suriano musiche originali Edmondo Romano scene di Laura Benzi costumi di Maria Grazia Bisio disegno luci Tiziano Scali tecnico luci e suono Federico Canibus si ringrazia il professor Nando Fasce