Calendario

Marzo 2021


06 ago

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce

Teatri di Bari/Elsinor

1 e 95


07 ago

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce

Teatri di Bari/Elsinor

1 e 95


08 ago

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce


09 ago

Tourneè


25 ago

Teatro Koreja /Teatro Metropol di Tirana

Letra
la lettera


27 ago

Tourneè


28 ago


29 ago


31 ago

Tourneè

immagine di copertina L’arte non può andare a dormire

L’arte non può andare a dormire

Visioni
di Paride Napolitano*

Pensando alla chiusura dei teatri e a quello che tutti gli operatori di questo settore stanno vivendo, mi vengono in mente, chiare e lampanti, le parole di Konstantin Stanislavskij. Attore, regista e pedagogo, egli visse appieno la Rivoluzione del 1917 e in quel periodo di tumulti e guerre civili, definì i doveri dell’artista in una società.

Nei suoi appunti per un articolo, “L’educazione estetica delle masse popolari”, lanciava un messaggio ai leader della Rivoluzione e asseriva: “Uno dei sensi più importanti dell’uomo, un senso che lo distingue dagli animali e lo innalza al cielo, è quello estetico” riferendosi ovviamente all’arte. Ma nel 1922 egli si dimostrò ancora più risoluto, lanciando un appello che, oggi, risuona potente:

“Teatro per gli affamati! Fame e teatro! Non c’è alcuna contraddizione in questo. L’arte non è un lusso nella vita della gente, ma una necessità quotidiana. E’ qualcosa di cui non si può fare a meno, qualcosa di assolutamente necessario per un grande popolo. Il teatro non è uno svago dei perditempo o un gioco piacevole, ma un’impresa culturale della massima importanza… Non si può mettere da parte il teatro per un po’, chiudere le porte ai suoi lavori, fermarne la vita. L’arte non può andare a dormire per essere risvegliata quando ci pare e piace. La morte dell’Arte è un disastro nazionale …Il tempo passerà e la fame verrà sconfitta. Le ferite si rimargineranno. E allora dovremmo essere ringraziati per aver salvato l’Arte in un periodo di martirio. Siamo tutti felicissimi di offrire oggi l’Arte che salviamo per la gente, l’arte che aiuta la gente che muore di fame”.

Certo, la chiusura dei teatri è dovuta a una pandemia, non abbiamo a che fare con guerre civili. Ma personalmente trovo particolarmente attuale il discorso di Stanislavskij.

*ASSENTI, PRESENTI – Progetto di scrittura e drammaturgia partecipata con gli spettatori

Guarda il video https://vimeo.com/521344407

prossimi Appuntamenti

23 lug · 08 ago

La Piccionaia/Teatro Koreja

Il cielo sopra Lecce

30 lug · 07 ago

Teatro Koreja

Dell’incontrare
azioni teatrali in strada

06, 07 ago

Teatri di Bari/Elsinor

1 e 95

Koreja in tourneè