Calendario

Dicembre 2023


22 feb

La Piccionaia

SEI STATO TU


24 feb

La Piccionaia

SEI STATO TU

Ama Factory

Un giorno di fuoco


25 feb

Ama Factory

Un giorno di fuoco


26 feb

Tourneè


27 feb

Tourneè

immagine di copertina Lettera aperta<br>Con più cultura si vince la violenza.La paura del buio

Lettera aperta
Con più cultura si vince la violenza.La paura del buio

Visioni
di Gigi Mangia

l buio fa paura, quando si é soli, quando si scopre di essere deboli, di essere esposti al pericolo, di subire violenza: é la donna quella ad essere più esposta alla violenza, a subire la paura del buio, a sentirsi sola, bisognosa di protezione.

Nelle strade deserte e buie della città, si manifesta ed agisce la pulsione aggressiva del maschio violento, cacciatore di giovani donne. Il buio della città é silenzio vuoto, abitato da ombre mute, nelle piazze con le Chiese mute. Se chiedi aiuto nessuno ti risponde. Senza luce la paura disorienta la donna, la quale perde le forze e diventa facile preda del maschio, lupo nella notte.

C’é una letteratura ed una sociologia falsa e faziosa, che lega l’origine della violenza sulle donne ed il femminicidio alle periferie, e colpevolizza le donne ritenute imprudenti perché le frequentano di notte. É la paura del buio quella che cancella e nega la libertà e la sicurezza alle donne ma é la politica che non vede e colpevolmente ignora il problema colpevolizzando la donna.

La perdita del rispetto di sicurezza e di essere libera nelle donne, di non essere insultate, apostrofate, di non essere percepite carne per i maschi, lupi di notte, è un modello sociale e culturale che deve essere affrontato con tutti i soggetti che partecipano al governo della città.

Bisogna lottare per disegnare una città libera dalla paura del buio e garantire a tutti la libertà e la sicurezza lontana dai pericoli per le donne ed in particolare per le persone disabili, le quali sono più esposte al pericolo della violenza. Bisogna trovare le parole del dialogo e i valori morali per rinnovare i nostri comportamenti. Si deve muovere la politica e non basta il coinvolgimento della scuola chiamata al compito dell’educazione dei sentimenti.

Serve un impegno straordinario, come é quello di realizzare un Welfare sociale e culturale coinvolgendo: i teatri, i musei, le biblioteche, il cinema, lo sport e l’università per superare il narcisismo del soggetto perfetto, lucido, curato con le creme di bellezza, ma vuoto nei valori, schiacciato dal presente, vissuto nei social attraverso i meme.

Manca il dialogo si é spenta l’empatia, si é perso il piacere della cura e della simpatia, dell’amore del volto dell’Altro. La città rappresentata nei social é consumo senza vita ed ha perso la forza di guardare al futuro, infatti la nuova generazione Z é triste, ansiosa, schiacciata dal dramma e dalla paura di avere come prospettiva anni difficili di vita. La vita della città é ferma, senza colori, perché si é spenta l’utilità del vivere sociale felice. La cultura insegna a vivere il tempo e a non avere paura di invecchiare. La città senza cultura é un deserto, il pensiero é vuoto senza la luce quando il cielo perde la poesia, trionfa la paura.

prossimi Appuntamenti

30 ott · 19 apr

Teatro Koreja in collaborazione con Babilonia Teatri

DIRE FARE BACIARE LETTERA TESTAMENTO

21, 22, 24 feb

La Piccionaia

SEI STATO TU

24, 25 feb

Ama Factory

Un giorno di fuoco

Koreja in tournée