Calendario

Gennaio 2020


06 ott


07 ott


08 ott


10 ott

Fondazione Barba Varley

Dimostrazioni di lavoro-spettacolo


11 ott

Fondazione Barba Varley

Dimostrazioni di lavoro-spettacolo


12 ott

Fondazione Barba Varley

Dimostrazioni di lavoro-spettacolo


13 ott

Fondazione Barba Varley

Living Archive Floating Islands


21 ott

Teatro dei Borgia /Teatro Koreja

Il lavoro sul lavoro +Le donne


22 ott

Teatro dei Borgia /Teatro Koreja

Il lavoro sul lavoro +Le donne


25 ott


26 ott


30 ott

Teatro Koreja in collaborazione con Babilonia Teatri

Essere o non essere


31 ott

Teatro Koreja in collaborazione con Babilonia Teatri

Essere o non essere

Produzioni

Per fare un teatro di mani, pensieri, piedi e parole, di cuori, di occhi e di sogni

Uno spettacolo di Koreja

Katër i radës

Il naufragio

Katër i Radës non vuole essere semplicemente un’opera della memoria.

È piuttosto il tentativo, attraverso la musica, di liberare l’universo umano di chi è andato incontro a una delle tante tragedie del Mediterraneo: quella di una piccola motovedetta albanese, stracarica di uomini, donne e bambini, affondata nel marzo del 1997 davanti alle coste italiane.
Nell’atto unico si affollano i sommersi e i salvati, chi è sopravvissuto e chi è scomparso, le loro voci, i loro pensieri, e soprattutto il loro viaggio verso il buio, pieno di grandi ansie e piccoli desideri, sogni e paure, digressioni, apparizioni, improvvise rammemorazioni.
Alessandro Leogrande

Guarda il video


musica Admir Shkurtaj (1969)  libretto Alessandro Leogrande  (dal romanzo-reportage Il naufragio, Feltrinelli 2011)  regia Salvatore Tramacere  direzione Admir Shkurtaj  assistente alla regia Emanuela Pisicchio  scenografia Michelangelo Campanale  costumi Stefania Miscuglio  realizzazione scene e tecnica Mario Daniele  tecnici Mario Daniele, Alessandro Cardinale
soprano Simona Gubello  soprano Hersjana Matmuja  soprano Flavja Matmuja  voce sperimentale Stefano Luigi Mangia  attrice Emanuela Pisicchio  attrice Maria Rosaria Ponzetta  attore Fabio Zullino
flauto, ottavino, flauto in sol Mariasole De Pascali  clarinetto basso e clarinetto in sib Marco Ignoti  tromba in sib e live electronics Giorgio Distante  violoncello Jacopo Conoci  pianoforte Vanessa Sotgiu  cupa cupe e percussioni Pino Basile  coro polifonico canti tradizionali albanesi Nazo Çelaj, Nikolin Likaj, Meleq Çela, Sali Brahimaj, Valter Hodaj
opera da camera commissione la Biennale di Venezia
prima rappresentazione assoluta: 12 ottobre 2014, Corderie dell’Arsenale nell’ambito
del 58. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia

organizzazione e tournée Laura Scorrano, Georgia Tramacere Foto di Daniele Coricciati